Le valutazioni sensoriali e gli aspetti psicoreologici della gradevolezza cosmetica

L’Analisi Sensoriale è un metodo scientifico usato per evocare, misurare, analizzare e interpretare le risposte che insorgono dal contatto dei nostri sensi con un prodotto, un oggetto o una sostanza. Una generica risposta sensoriale rappresenta la combinazione di due componenti: una è direttamente correlata all’intensità e alla qualità della sensazione percepita durante e dopo l’applicazione del prodotto, mentre l’altra possiede un’impronta edonistica ed è strettamente correlata alla psicologia del soggetto. L’analisi sensoriale investiga su entrambe le componenti e, a seconda che ci si concentri su una piuttosto che sull’altra, si applicheranno i test edonistici o i test quali-quantitativi. La qualità di un prodotto cosmetico è la risultante di molteplici controlli effettuati nelle diverse fasi che caratterizzano il suo sviluppo. Accanto a verifiche di routine, vanno associandosi ora le analisi di tipo sensoriale, direttamente correlate alle percezioni del consumatore. La loro applicazione è versatile e multi-funzionale, risolve quesiti tanto in fase di formulazione quanto in quella di lancio sul mercato; permette di tracciare l’impronta sensoriale di un prodotto e di misurarne le performance in termini quantitativi; indica al formulatore quale tra i campioni messi a punto meglio corrisponde al progetto iniziale; consente l’ottimizzazione di produzione; indaga l’impatto che un prodotto avrà sul consumatore al momento dell’utilizzo, determina la stabilità percettiva di un prodotto durante la sua vita di scaffale