Direttore tecnico e buone pratiche di fabbricazione; comunicazione dei dati da parte delle aziende

Il Decreto Legislativo 24 Aprile 1997, n. 126 cita all’Articolo 9, comma 1: ”Il direttore tecnico è responsabile della corretta esecuzione delle operazioni di produzione e confezionamento conformemente alle buone pratiche di fabbricazione, di cui al comma 4 o, in mancanza, alle disposizioni del decreto del Ministero della Sanità 9 luglio 1978, n.328, e successive modificazioni e integrazioni, senza pregiudizio della responsabilità dell’imprenditore”. Risulta evidente per il direttore tecnico di una officina produttiva la necessità di confrontare criticamente le linee guida Colipa con l’attuale normativa nazionale, per riconoscere i punti comuni ed evidenziarne le differenze, per tutto ciò che è contingente alla sua attività. In base all’articolo 13 del DL n.126, comma 1: ”Entro un mese dalla data di entrata in vigore del presente decreto le imprese in attività al 31 dicembre 1996 devono trasmettere al Ministero della Sanità e alla regione ............. i dati previsti dall’articolo 10, commi 6,7 e 8, della legge, come modificati dal presente decreto, aggiornati alla data di invio della comunicazione, nonché indicare la sede nella quale saranno conservate le informazioni di cui all’art. 10-ter della legge, introdotto dall’articolo 10 del presente decreto”. Questo decreto indica entro quale data si deve trasmettere la comunicazione, per definire cosa si deve comunicare è necessario risalire alla L.713, infine come comunicare è lasciato a parziale discrezione del compilatore.